Dalla Caponata alla Cassata… si alzi il sipario.

(Mimmo Caruso)

Una mia amica sostiene che ogni volta che viene a trovarmi in Sicilia prende su tre chili.
Le sue trasferte a Palermo vengono scelte strategicamente: date rigorosamente lontane da eventi cruciali tipo la “prova costume”, per intenderci.
Del resto come darle torto?
Le nostre mani per secoli hanno sbucciato pistacchi, hanno candìto mandarini, amalgato ricotta e zuccata e fritto tutto ciò che si poteva friggere.
Viviamo la nostra cucina con carnalità.
La focaccia con ricotta, sugna e caciocavallo, perde la sua verginità, sposandosi con la milza e da “schietta” diventa “maritata”.
Persino il teatro si è occupato della nostra cucina.
Ecco come il compianto Renzino Barbera, sublime maschera di Palermo, racconta la genesi della Cassata.

Soggira Miseria

(Renzino Barbera)

Chista chi cuntu, è la storiella vera
d’un puvireddu, servu di cucina,
maritatu cu donna Vita Amara.
Ma la tragedia seria, seria seria
era la matri: soggira Miseria.
Vita Amara, puru si siddiàta,
era la cumpagna sua adorata.
E fu ca soggira ca persi la pazienza!
Rassittava ‘nt’a cucina la credenza
e la Miseria lu misi a buffuniari…
Pigghiò la robba, ch’era du patroni,
la prima cosa ca cci vinni in manu:
un paccu ‘i zuccaru, unni? ccà, ‘nt’o nasu!
‘nt’o varbarottu c’un pezzu di ricotta!
Mirò precisu, cu na mezza ucchiata,
‘nta ll’occhi, cu’n pizzuddu di zuccata!
E ‘nta la frunti cu la cioccolata!
mmischiannu biancu ‘i zuccaru e coluri,
cu li canditi: prugna, aranci e ficu!
Un muddicuni di panuzzu ‘i spagna!
Pasta riali, ‘mmezzu a li capiddi!!!
Vita Amara cci dissi: Chi facisti?
talè a Miseria, comu ‘a ruvinasti,
e si misi cu li manu a pulizziari,
‘a faccia di so Matri impasticciata.
A un certu puntu si liccò li dita,
ristò cull’occhi chiusi e ‘na risata!
Facisti beni, beni sposu miu
e nun importa si la Miseria è Mamma…
Tiraci forti, ancora, ancora, ancora!
Chista cuntata è la storiella vera
d’un puvireddu, servu di cucina,
maritatu cu donna Vita Amara,
ca ‘na vota, ‘nta ‘n’epuca luntana,
nni fici la cassata siciliana!
Lu duci duci pi ll’occhi e pi la vucca,
i Vespri Siciliani pi la storia:
torta tirata ‘nfaccia a la Miseria

La cucina siciliana diventa spettacolo e musica nella “Caponata” di Davide Enia.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: