Un mito in 100 parole: La bambola Barbie

(Gabriella Notarbartolo)

Quando era piccola adoravo le bambole come tutte le bambine, le bambole che avevano l’aspetto di neonati , di “cuccioli” d’ uomo da accudire e coccolare. Poi arrivò questa bambola con le “tette” e i vestiti da donna . Al contrario di molte mie amiche la trovai orribile. Non riuscivo a giocarci, non capivo perché le altre bambine la trovassero bellissima. Il mio mito è stata la prima bambola meccanica: Molly. Era una meraviglia, premendo il suo ombelico piangeva e muoveva le gambette e le braccine; era adorabile. Le mie amiche avevano dieci Barbie, io non ne ho mai posseduta una.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: