Storia dei guanti: il 1600

(Raffaello Piraino)

I guanti maschili nel Seicento sono considerati “vanità” ma danno un ultimo tocco al carattere aristocratico dell’abbigliamento seicentesco anche nell’uso dei ricchi borghesi. I guanti più correnti sono di pelle naturale, i più eleganti di pelle bianca; i più raffinati li portano anche con polsini di pizzo come testimoniano i ritratti del tempo; e, osservandoli, si intuisce che era uso elegante infilare un solo guanto, o portarli tutt’e due in mano. I guanti femminili sono di pelle morbida con polsini ricamati o mezzi guanti leggeri che coprono le mani inanellate:

Se porta guanti d’inverno e d’istae
Per far sentir l’odor tre mia lontan,

canta il Businello, perché i guanti, come già nel Cinquecento, sono ancora profumati (11).  Gentile usanza veneziana è il preparare in anticamera per gli ospiti, sopra un vassoio d’argento, nuovi e candidi guanti per cambiare quelli sgualciti lungo la strada.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: