La scienza in blog: la storia dell’acetosella

(Gabriella Notarbartolo)

L’ acetosella gialla (Oxalis pes- caprae) è una pianta dal portamento esile e all’apparenza fragile molto comune in Sicilia dove ricopre vaste estensioni di terreno in ogni luogo. La fioritura in Sicilia avviene nei mesi di gennaio – marzo. E’ una pianta conosciuta per il sapore acidulo dei suoi steli e a cui deve il suo nome. La sua storia è singolare in quanto questa pianta è originaria dell’Africa dove esiste sia la pianta femmina che la pianta maschio . Continua a leggere

Annunci

Punta Raisi

(di Alberta de Benedictis)

punta raisi

Ci sono degli spostamenti in auto, durante una vacanza, che sono una sorta di viaggio nel viaggio. È il caso del tragitto che, dalla città di Palermo, porta all’aeroporto internazionale Falcone Borsellino.
Appena fuori dalla città ti fa compagnia, alla tua destra, il colore blu intenso del mare, con l’Isoletta delle Vergini dalla storia leggendaria, che interrompe l’uniformità dell’orizzonte. A sinistra, invece, sono le rocce geometriche dei monti a darti il saluto cosicché il distacco che si prova ad ogni rientro è, in questo caso, meno violento, quasi dolce, un arrivederci più che un addio. Continua a leggere

Lo scultore norvegese Vigeland e il grande Parco di Oslo

(di Giovanni Vecchio – Lions Club Acireale)

Assoluta nudità in armonia con la natura

Figure Parco Vigeland di  Oslo

Sono passati 140 anni dalla nascita di Adolf Gustav Vigeland, che ha legato la sua fama internazionale al grande Parco di Oslo che oggi porta il suo nome e che contiene 214 sculture con un totale di 758 figure, tutte modellate da lui. Un intreccio di spazi, forme umane nella più assoluta nudità, fiori, alberi ed acque che creano un risultato d’insieme maestoso e suggestivo, in armonia con la natura.
Vigeland era nato a Mandal, una piccola città nel Sud della Norvegia, l’11 aprile 1869 e sin da piccolo dal padre maestro falegname acquisì l’arte dell’intarsio e si esercitò nel disegno. Ebbe un’educazione rigidamente pietistica, che nel corso della sua vita rigettò negli aspetti più formali mantenendo tuttavia una visione spirituale della vita e la consapevolezza della multiformità della natura umana. Continua a leggere