Il teatro tragico a Siracusa

(Gabriella Maggio)

Venerdì 14 maggio all’Hotel Principe di Villafranca, per gli incontri culturali del Club Lions Palermo dei Vespri, C. Fucarino e Rita Ruffino hanno affrontato alcuni aspetti della tragedia greca con l’intento di informare gli intervenuti sulle rappresentazioni che quest’anno si svolgono a Siracusa. Mentre R. Ruffino ha affrontato le trame di Aiace e Fedra (sarebbe stato meglio mantenere il titolo euripideo Ippolito coronato) ed i sentimenti in esse dominanti, C. Fucarino ha affrontato l’arduo tema dell’attualizzazione, della trasformazione della tragedia in spettacolo per un pubblico vasto e spesso poco informato su quanto questo genere letterario sia complesso.  L’armonia della tragedia s’è persa nel naufragio senza spettatore  del mondo antico. Del perfetto equilibrio tra parola, gesto, suono ci è pervenuta solo la parola. Svanita la sacralità del rito tragico, della scena antica restano le pietre rimesse insieme con criterio moderno per un fine meramente spettacolare Continua a leggere

Annunci